I luoghi de “Il treno che va in Francia”

Gianlu, uno dei lettori di prova de “Il treno che va in Francia”, aveva minacciato di togliermi il saluto per l’assenza nel libro di fotografie e mappe. Per la prima cosa posso fare poco (ma di foto in rete se ne trovano facilmente, ad esempio qui e qui ), per la seconda qualcosa in più, anche perchè Gianlu ha ragione, è più facile seguire il racconto con una mappa sottomano, e quelle online hanno il vantaggio di portarti direttamente al punto.
Qui sotto trovate una serie di link ognuno dei quali vi porterà ad una mappa di openstreet centrata sul punto, i luoghi sono riportati nell’ordine in cui li si incontra nel libro, divisi per capitolo.

Frejus
Ingresso del tunnel del Frejus
Villarfochiardo
Bussoleno
Borgone
San Giorio
Villarfochiardo, deposito dell’esplosivo
Avigliana, corso Laghi
Ponte dell’aquila
Meana
borgata Losa
Coudissard (o Godissard)
Prali
Pragelato
Ponte dell’aquila
uscita della galleria ferroviaria verso Torino
San Giorio
Rjeka
Sant’Antonino
Pramand
Grange della Valle
borgata Strobiette
stazione di Bruzolo
Garda
Casale Monferrato
frazione Balma
Castel Borello
Pian Cervetto
rifugio Gravio
Garda
Pra Mean
Pra la Grangia
rifugio Toesca
Mattie
Perosa
Villarodin
Moncenisio, antico capoluogo (no, non è uno sbaglio)
Mauthausen
Dachau
Rolandia
Villardora
ponte della Perosa
Combascura
Civitavecchia
Castelfranco Emilia
Caserma Cavalli
Mazzè
Sant’Ambrogio
Venasca
rifugio Quintino Sella
ponte di Combascura
Urbiano
Venaria, borgata Altessano
caserma di via Asti
carceri Nuove
sacrario del Martinetto
col del Lys
Sabbionera
stabilimento Aeritalia
Caprie
Urbiano
Arnodera
chiesa di san Saturnino
ponte dell’Arnodera
Foresto
Meana
Colle dell’orso
Savolux
Chi, dove, quando
Pontebbe
Rubiana
Hauzenberg

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *