Walter Fontan

Settantacinque anni fa moriva Walter Fontan. Era stato uno dei comandanti delle prime bande partigiane in Valsusa, in seguito il suo nome venne dato alla 42° brigata Garibaldi, e sono intitolate a lui oggi la sezione ANPI di Bussoleno/Foresto/Chianocco, la via principale del centro storico di Bussoleno e una scuola a Murmansk, nel nord della Russia. Nonostante questo la documentazione su di lui è estremamente scarsa, anche nell’archivio dell’Istoreto si trova solo una scarna scheda biografica.
Basandomi sugli scarsi elementi storici e su alcuni episodi riferitimi da Ugo Berga nel mio Il treno che va in Francia ho comunque voluto renderlo voce narrante di un capitolo, in questo anniversario ne riporto qui un estratto.

[]al contrari mi al dì d’l’armistizio a i’eru ancora an Croazia* . Quel giorno gettai la divisa ma non la bandiera del reggimento, che nascosi sotto gli abiti prima di avviarmi a piedi verso la mia Valsusa. So che fu un gesto sciocco, inutilmente pericoloso, anche perché a un certo punto del viaggio per ridurre i rischi la bandiera la abbandonai, ma per me portarla indietro attestava che non stavo tradendo né scappando, ma solo tornando a casa.
Continue reading